MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
16.5.'23: giornata italiana della Campagna internazionale #ObjectWarCampaign per la protezione degli obiettori di coscienza russi, bielorussi e ucraini
A sostegno del diritto di sciopero - No ai licenziamenti arbitrari
25 NOVEMBRE - PENSARE ‚ÄúGLOBALMENTE‚ÄĚ ALLA LIBERT√Ä DELLE DONNE
Il Governo italiano desista dalla condotta criminale attuata presso il porto di Catania e ritiri il decreto di permanenza temporanea
Quando il pericolo viene dal legislatore
Iran: cordoglio per la morte di Mahsa Amini e condanna per le gravissime violazioni dei diritti umani in corso
Il Premio Hans Litten 2022 assegnato alla nostra Simonetta Crisci
Venerdì 23 settembre: i Giuristi Democratici al fianco di Fridays For Future nello sciopero globale per il clima
Lorenza Carlassare. Una vita intera per far vivere la Costituzione
Per una coalizione d'emergenza per la Repubblica
I Giuristi Democratici ricordano Carlo Smuraglia, giurista e partigiano, sempre dalla parte dei deboli
Un 25 aprile di resistenza alla follia della guerra
Italia e UE non alimentino il conflitto russo-ucraino e i nazionalismi, ma insistano per il dialogo. Massima solidarietà all'Anpi
Direttiva anticortei, un allarmante invito alla restrizione dell'esercizio del diritto di riunione ed espressione del pensiero
Solidarietà alla Cgil, no a limitazioni ulteriori del diritto a manifestare: difendiamo la libertà d'espressione dai fascisti
 24 pagine  (360 risultati)
I Giuristi democratici condannano la strage di palestinesi e chiedono l'apertura immediata di un procedimento contro i responsabili militari e politici israeliani da parte della Corte penale internazionale
Redazione 31 marzo 2018 11:36
L'orribile strage di civili palestinesi compiuta da cecchini militari israeliani costituisce con drammatica evidenza un nuovo crimine contro l'umanità compiuto dal governo Netanyahu.
 
La sparatoria è cominciata quando la manifestazione dei palestinesi era ancora lontana dalla linea di confine e si è tramutata in un vero e proprio tiro al bersaglio contro persone inermi in fuga, come attestato dai filmati.
 
Il bilancio di almeno 16 vittime e centinaia di feriti parla chiaro. √ą il risultato di uno "scontro" fra uno dei pi√Ļ equipaggiati e potenti eserciti esistenti e una manifestazione disarmata.
Si tratta quindi con ogni evidenza di un crimine contro l'umanità perseguibile ai sensi dello Statuto della Corte penale internazionale, articolo 7, comma primo, lettera a.
 
√ą quindi necessario e urgente che, anche per evitare nuovi massacri e l'alimentazione ulteriore dell'odio promosso dal governo israeliano, la Corte penale internazionale intervenga, aprendo il procedimento contro i responsabili militari e politici israeliani da tempo richiesto dall'Autorit√† palestinese che ha aderito allo Statuto.
 
Invitiamo il Governo italiano a esprimere condanna e preoccupazione per gli atti di aggressione da parte dell’esercito di Israele in violazione di innumerevoli risoluzioni del CdS Onu, dalla n. 194 del 1948, e che stanno trasformando in un massacro la manifestazione palestinese per il diritto al ritorno nei territori occupati che dovrebbe protrarsi sino al 15 maggio.
 
 
31 marzo 2018
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI