MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il rischio di compressione dei diritti costituzionali dopo i fatti occorsi a Roma il 15 ottobre
Verso il 15 ottobre: comunicato congiunto Giuristi Democratici e Legal Team Italia
CEDAW, pubblicate le raccomandazioni dell'ONU: in Italia donne rappresentate come oggetti sessuali
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
 23 pagine  (334 risultati)
Solidarietà agli avvocati turchi
Redazione 21 marzo 2013 18:35

L'Associazione Nazionale dei Giuristi Democratici esprime la propria solidarietà agli avvocati turchi colpiti da repressione, sotto forma di denunce, arresti e processi, per aver svolto la propria opera professionale.

I dati sono impressionanti: 46 avvocati sono stati arrestati nel novembre 2011. Di questi 26 rimangono in stato di detenzione a quasi un anno e mezzo di distanza dagli arresti. Nel gennaio 2013 sono stati arrestati altri 15 avvocati, alcuni dei quali difendevano quelli arrestati nel novembre 2011. 6 di quelli arrestati nel gennaio 2013 sono ancora in stato di detenzione.

Le accuse sono estremamente vaghe e riguardano reati associativi, quali in particolare la presunta appartenenza ad organizzazioni sovversive o terroristiche. Dal tenore degli interrogatori si evince tuttavia che il crimine rimproverato agli avvocati perseguitati è quello di difendere organizzazioni sociali e singoli individui ritenuti a loro volta sovversivi o terroristi, il più delle volte peraltro solamente per condurre battaglie in difesa dei propri diritti. Interi Ordini degli avvocati, come quello di Istanbul, il cui presidente è a sua volta oggetto di un procedimento penale per reati di opinione, vengono attaccati e la funzione forense in quanto tale è quindi oggetto di criminalizzazione e repressione.
Tale repressione si pone in evidente violazione delle normative applicabili, dai patti internazionali ed europei per la promozione dei diritti umani ai principi dettati nell'ambito delle Nazioni Unite per tutelare la funzione della professione forense.
L'Associazione Nazionale dei Giuristi Democratici ritiene quindi che la repressione intrapresa dalle autorità turche contro gli avvocati sia in contrasto con i più elementari principi dello Stato di diritto e chiede a tutte le organizzazioni forensi italiane di prendere posizione, unendosi a quelle francesi, belghe, tedesche e di altri Stati europei e del mondo intero che hanno condannato queste inammissibili operazioni.
L'Associazione Nazionale dei Giuristi Democratici chiede alle autorità turche l'immediata scarcerazione degli avvocati arrestati e la fine di ogni ingiustificato procedimento penale nei loro confronti.

Associazione Nazionale Giuristi Democratici

Roma, Torino, Napoli, Bologna Padova, 21 marzo 20132