MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il rischio di compressione dei diritti costituzionali dopo i fatti occorsi a Roma il 15 ottobre
Verso il 15 ottobre: comunicato congiunto Giuristi Democratici e Legal Team Italia
CEDAW, pubblicate le raccomandazioni dell'ONU: in Italia donne rappresentate come oggetti sessuali
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
 23 pagine  (334 risultati)
Solidarietà ai lavoratori del settore Giustizia in agitazione
Redazione 30 dicembre 2009 19:32
Comunicato dei GD 30.01.2009

L’Associazione Nazionale Giuristi Democratici esprime la propria solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori degli uffici giudiziari in lotta contro l’approvazione della bozza di contratto integrativo del CCNL di settore.

Mentre l’attenzione dell’opinione pubblica viene dirottata sulla pretesa necessità dell’adozione di misure inique ed inutili, o meglio utili soltanto a sottrarre alla giustizia un solo cittadino (prima il “lodo Alfano”, ora il “processo breve”), la quotidianità degli uffici giudiziari e delle aule di tribunale è caratterizzata da un progressivo aggravamento delle condizioni lavorative di tutti gli operatori del diritto. Tra questi, il personale degli uffici, già colpito duramente con i tagli alle risorse ed agli organici contenuti nella legge 133 tanto cara al ministro Brunetta, viene oggi nuovamente
aggredito da una bozza di contratto che comprime verso il basso le figure professionali scomponendole e addirittura demansionandone alcune, creando così conflittualità tra i lavoratori e, dulcis in fundo, peggiorando il servizio per via del rallentamento dei tempi dei processi.
L’esatto contrario, cioè, di quanto occorre per invertire la rotta: assunzioni (e correlativa fine del ricorso al precariato) e riqualificazione del personale.

I Giuristi Democratici, già autori —in tempi non sospetti— di proposte operative tese al miglior funzionamento della macchina giustizia, ribadiscono pertanto la propria disponibilità al confronto con i lavoratori per una autentica riforma degli uffici e del processo.

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI