MANAGE
CERCA
Altro in
Il 20 e 21 settembre votiamo e facciamo votare NO
I Giuristi Democratici contro le pesanti ingerenze Usa nell'inchiesta della Corte penale internazionale su funzionari Cia e militari
Continuiamo la battaglia per il rispetto dei diritti umani in Turchia. Per Ebru Timtik, per Aytaç Ünsal, per le avvocate e gli avvocati detenuti
PER EBRU, PER AYTAC, PER LA DIFESA DEI DIRITTI UMANI IN TURCHIA VENERDI’ 11 SETTEMBRE A ROMA - Piazza Monte Citorio, ore 14,30
I Giuristi Democratici per il NO al referendum costituzionale del 20 e 21 settembre 2020
I Giuristi Democratici esprimono cordoglio per la morte in carcere dell'avvocata turca Ebru Timtik
Il licenziamento del fittizio datore di lavoro torna ad essere «giuridicamente inesistente», ed il contrasto dell'interposizione e/o appalto illecito e somministrazione irregolare più agevole. L’art. 80-bis, Legge n. 77 del 17.7.2020, «Interpretazione autentica del comma terzo, art. 38 D.Lgs. 81/2015»
Tribunale di Roma: Gerusalemme non può essere riconosciuta (e definita) capitale di Israele. Ecco il provvedimento che condanna la Rai alla rettifica
I G.D. di Vicenza ricordano Gianni Cristofari
Ambiente e lavoro a Marghera tra passato e futuro: intervista a Gianfranco Bettin
Le misure anti Covid-19 e la Costituzione: intervista al Prof. Francesco Pallante
Mer. 15.7.'20, ore 14,30, webinar: La Costituzione al tempo del Covid
Mar. 14.7.'20, ore 16, webinar: INgiustizia in Palestina?
I G.D. di Padova ricordano Angela Pedatella Uva
L'Unione europea revochi le sanzioni inflitte al Venezuela
 68 pagine  (1012 risultati)
I Giuristi Democratici auspicano la sospensione del procedimento disciplinare nei confronti dell'insegnante torinese
Redazione 2 marzo 2018 23:27
Comunicato stampa del 2 marzo 2018

I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il violento attacco con conseguente gogna mediatica da parte di personalità politiche e rappresentanti delle istituzioni che in questi giorni sta investendo la giovane docente di Torino, Lavinia Flavia Cassaro.

Quel che indigna non è l'incitamento alla magistratura ad appurare l'eventuale commissione di reati: ciascuno è libero di farlo -meglio se tramite esposto che via Twitter-, ma l'intenzione di colpirla nella sua vita lavorativa, ponendo definitivamente fine al suo difficile e precario percorso lavorativo. E ciò al di là di qualsiasi eventuale processo e di qualsiasi condanna.

Ciò che ha segnato la costituzionalizzazione del rapporto di lavoro è la sua contrattualizzazione: il lavoratore non vende più se stesso ma solo le attività indicate nel contratto e nell'orario ivi previsto, restando irrilevante la sua vita extralavorativa.

Lavinia Flavia Cassaro, in una situazione di esasperazione (erano in corso cariche contro i manifestanti antifascisti), si è lasciata andare a un non condivisibile sfogo rabbioso: se verrà rilevato in ciò una condotta giuridicamente rilevante, ne risponderà all'esito del relativo processo.

Licenziarla ora significherebbe invece solo mediaticamente segnare un'equidistanza tra fascismo e antifascismo, tra chi spara e chi grida a volto scoperto e mani nude, e questo non è accettabile.

I Giuristi Democratici auspicano quindi l'immediata sospensione del procedimento disciplinare.

 

2 marzo 2018

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI