MANAGE
CERCA
Altro in
L'Unione europea revochi le sanzioni inflitte al Venezuela
Lun. 29.6.'20, ore 18: L'uso repressivo del Covid nei Paesi di Medioriente e Nordafrica - Webinar
Simonetta Crisci, 30 anni e più di solidarietà alla causa curda
Mer. 24.6.'20, ore 17: Città in Difesa di: per un piano pilota nazionale di sostegno, accompagnamento e protezione di difensori/e dei diritti umani
Giornata internazionale del rifugiato: i G.D. con i giuristi democratici europei della ELDH e l'associazione degli avvocati democratici europei AED
I Giuristi Democratici di Torino esprimono solidarietà alla Sen. Anna Rossomando per i violenti attacchi ricevuti sui social media
I G.D., insieme alle altre associazioni della rete "In difesa di" e della Rete della Pace, tornano a chiedere l'intervento delle Autorità italiane a tutela della salute di Patrick Zaky
I G.D. a sostegno dell'indipendenza e del libero esercizio della professione degli avvocati colombiani, oggetto di operazioni di spionaggio
Filippine, le nuove norme "antiterrorismo" nascondono un'ulteriore stretta repressiva del regime di Duterte
20 maggio, note a margine d'una duplice ricorrenza
Lettera aperta del Presidente dei Giuristi Democratici alle massime autorità dello Stato per perorare la liberazione degli avvocati turchi arrestati in occasione dei funerali di Ibrahim Gökçek
La "regolarizzazione" nel c.d. Decreto rilancio: luci, ombre e... lacrime
I Giuristi Democratici si uniscono alla protesta internazionale per le brutali violenze della polizia turca e gli arresti degli avvocati di Ibrahim Gökçek in occasione del suo funerale
Il costituzionalismo per un’altra Europa. Conversazione con il Prof. Claudio De Fiores
Emergenza COVID-19 e Costituzione
 67 pagine  (998 risultati)
I Giuristi Democratici auspicano la sospensione del procedimento disciplinare nei confronti dell'insegnante torinese
Redazione 2 marzo 2018 23:27
Comunicato stampa del 2 marzo 2018

I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il violento attacco con conseguente gogna mediatica da parte di personalità politiche e rappresentanti delle istituzioni che in questi giorni sta investendo la giovane docente di Torino, Lavinia Flavia Cassaro.

Quel che indigna non è l'incitamento alla magistratura ad appurare l'eventuale commissione di reati: ciascuno è libero di farlo -meglio se tramite esposto che via Twitter-, ma l'intenzione di colpirla nella sua vita lavorativa, ponendo definitivamente fine al suo difficile e precario percorso lavorativo. E ciò al di là di qualsiasi eventuale processo e di qualsiasi condanna.

Ciò che ha segnato la costituzionalizzazione del rapporto di lavoro è la sua contrattualizzazione: il lavoratore non vende più se stesso ma solo le attività indicate nel contratto e nell'orario ivi previsto, restando irrilevante la sua vita extralavorativa.

Lavinia Flavia Cassaro, in una situazione di esasperazione (erano in corso cariche contro i manifestanti antifascisti), si è lasciata andare a un non condivisibile sfogo rabbioso: se verrà rilevato in ciò una condotta giuridicamente rilevante, ne risponderà all'esito del relativo processo.

Licenziarla ora significherebbe invece solo mediaticamente segnare un'equidistanza tra fascismo e antifascismo, tra chi spara e chi grida a volto scoperto e mani nude, e questo non è accettabile.

I Giuristi Democratici auspicano quindi l'immediata sospensione del procedimento disciplinare.

 

2 marzo 2018

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI