MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
 21 pagine  (309 risultati)
Critiche all'astensione indetta dall'UCPI
Redazione 10 ottobre 2006 20:39
Il testo del comunicato stampa che viene diffuso in occasione dell'astensione indetta dall'Unione delle Camere Penali Italiane per le giornate del 12,12 e 13 ottobre 2006.

COMUNICATO STAMPA

Inizia oggi un ulteriore periodo di astensione dalle udienze nei processi penali indetto dall'Unione Camere Penali Italiane.
L'obiettivo principale, se non unico, è quello di protestare contro la legge, in via di approvazione, che in parte modifica e in parte sospende la pessima riforma dell'ordinamento giudiziario approvata nella scorsa legislatura. In particolare la protesta è contro ogni misura che sospende la surrettizia separazione delle carriere introdotta dalla legge Castelli.
Come Giuristi Democratici abbiamo criticato e avversato i principi e le articolazioni di una legge che il centrodestra volle per limitare autonomia e indipendenza della magistratura e non possiamo che vedere con favore ogni intervento legislativo che, quantomeno, sia teso ad eliminare le principali distorsioni introdotte da quella legge.
Non condividiamo, dunque, una protesta che mette ancora una volta al centro dell'attenzione la sola questione della separazione delle carriere, che sembrerebbe essere per l'UCPI la panacea di ogni male della giustizia e che, invece, a nostro avviso, specie se attuata nelle forme volute dalla legge Castelli, può essere foriera di gravi distorsioni nel mondo della giustizia.
Roma, 11 ottobre 2006
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI