MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
 21 pagine  (309 risultati)
Val di Susa
Redazione 7 dicembre 2005 15:39
Comunicato dell'Associazione su quanto sta avvenendo in Val di Susa.
I diritti costituzionali e i manganelli della Polizia.

Indipendentemente dalle ragioni, che noi condividiamo, circa la pericolosità e la non opportunità della linea TAV-TAC Torino-Lione, espresse dalla popolazione locale, la notizia dell'aggressione compiuta nella notte tra il 5 ed il 6 dicembre dalle Forze dell'Ordine nei confronti di pacifici cittadini che stavano dormendo nelle tende lecitamente situate, con il permesso dei proprietari, su fondi che avrebbero dovuto essere temporaneamente occupati per l'installazione del cantiere di Venaus della progettata linea Torino-Lione non può non colpire ogni cittadino democratico.

Le immagini trasmesse dalle televisioni fanno giustizia delle temerarie affermazioni del Ministro Pisanu che nega qualsiasi carica nei confronti dei cittadini.

A quanto accaduto l'altra notte va, poi, aggiunto che da oltre un mese si sta assistendo, in Valle di Susa, ad una militarizzazione della zona, con veri e propri posti di blocco che impediscono la libera circolazione dei cittadini.

Quali cittadini, giuristi e democratici, ci chiediamo in base a quali norme di diritto tutto ciò possa essere giustificato, ci chiediamo chi si sia assunta la responsabilità di una simile decisione, chi possa arrogarsi il diritto di annullare impunemente diritti costituzionalmente garantiti, come quelli alla libera circolazione e, soprattutto, alla integrità fisica ed alla salute.

Ci chiediamo ancora come sia possibile che un Ministro della Repubblica esalti il comportamento delle Forze di Polizia, se esso é stato quello che tutte le televisioni ci hanno mostrato; chiediamo con forza al Ministro Pisanu di esplicitare le ragioni che hanno portato alla sua decisione..

Chiediamo il pronto intervento della Magistratura, affinché venga ripristinata la legalità nei comportamenti delle Forze dell'Ordine e vengano chiariti i limiti che in uno stato di diritto tali comportamenti devono incontrare ed esprimiamo la nostra solidarietà alla popolazione così colpita nella sua dignità ed integrità.

07 dicembre 2005
Associazione Nazionale Giuristi Democratici

Val di Susa
Il Direttivo dell'Associazione Nazionale Giuristi Democratici, riunitosi a Roma il 18/12/05

- preso atto della gravità della situazione venutasi a creare in Valle di Susa con il tentativo di imporre con la forza ad una intera Comunità un'opera, come la linea ferroviaria Torino-Lione, di rilevante impatto per la salute dei cittadini e per l'ambiente

rileva

- il drammatico deficit di democrazia che porterebbe a far prevalere sulla
volontà di tutta la popolazione valsusina la (presunta) volontà della restante popolazione italiana, con addebito delle conseguenze dannose solo a quella comunità;
- l'inaccettabilità di far prevalere interessi prettamente economici su diritti costituzionalmente garantiti, quale il diritto alla salute;

stimatizza

la decisione di intervento del Ministro degli Interni ed il successivo comportamento delle Forze dell'Ordine nella notte tra il 5 ed il 6 Novembre 2005 che ha prodotto numerosi feriti tra cittadini partecipanti ad un pacifico presidio, per di più dormienti, nonché la vera e propria militarizzazione del
territorio, con predisposizione di posti di blocco, che impediscono la
libera circolazione dei cittadini;

invita

le forze politiche a riesaminare la decisione assunta, tenendo conto delle criticità dell'opera rilevate da numerosi tecnici che hanno portato la comunità locale ad una inflessibile opposizione a tutela dei suoi diritti

invita, infine

la Magistratura a ripristinare il diritto dei cittadini valsusini alla libera circolazione, e ad accertare i fatti illeciti avvenuti da parte delle Forze dell'Ordine ed a perseguire i responsabili.

Roma, 18/12/05

Il Direttivo Nazionale dei Giuristi Democratici