MANAGE
CERCA
Altro in IN DIFESA DELLA COSTITUZIONE
Sab. 19.11, ore 15, Roma: "PER UNA COSTITUZIONE DELLA TERRA - IDEE PER LA PACE E LA SOPRAVVIVENZA DEL PIANETA"
Sollevata questione di legittimità costituzionale dell'art. 6, D.L. n. 162/2022 / rinvio entrata in vigore riforma Cartabia (D.Lgs. n. 150/2022)
Quando il pericolo viene dal legislatore
I Giuristi Democratici ricordano Carlo Smuraglia, giurista e partigiano, sempre dalla parte dei deboli
RINVIATO AL 27.6 P.V. - Convegno: IL CARCERE TRA DEGRADO E NECESSITÀ DI RIFORMA - A Torino e online
Un 25 aprile di resistenza alla follia della guerra
Ven. 4.3.2022, ore 17,30, Venezia: incontro con Paolo Berizzi, autore di "È gradita la camicia nera"
La Repubblica ha bisogno di un Presidente dall'integrità indiscussa come Luigi Ferrajoli
Direttiva anticortei, un allarmante invito alla restrizione dell'esercizio del diritto di riunione ed espressione del pensiero
Solidarietà alla Cgil, no a limitazioni ulteriori del diritto a manifestare: difendiamo la libertà d'espressione dai fascisti
Green Pass, la discriminazione è un'altra cosa
Ven. 9.7.'21, ore 18: Per una nuova legge elettorale proporzionale, videoconferenza al collegamento https://youtu.be/fPEozImCxcg
Carpi: a processo per aver cantato “Bella ciao”. Intervista a Fausto Gianelli
Lun. 19.4.'21, ore 15,30, webinar: IL GRANDE FRATELLO ALL'ASCOLTO DI AVVOCATI E GIORNALISTI
Intervista a Fulvio Vassallo Paleologo sul caso intercettazioni
 5 pagine  (74 risultati)
Indagine della Procura di Trapani sulle Ong, allarmante l'uso disinvolto delle intercettazioni
Redazione 10 aprile 2021 17:42
Comunicato stampa

I Giuristi Democratici esprimono sconcerto e indignazione in merito alla vicenda delle intercettazioni indebitamente disposte a carico di attivisti, giornalisti e avvocati (tra cui Arturo Salerni, da sempre difensore dei diritti umani, cui va tutta la nostra solidarietà) nell’ambito dell’inchiesta sul presunto favoreggiamento dell’immigrazione clandestina da parte di alcune Ong, condotta dalla Procura di Trapani.
Tali intercettazioni —come emerge non solo dalla ricostruzione operata dagli organi di informazione, ma altresì dagli atti depositati all’esito delle indagini— risulterebbero effettuate in violazione delle norme procedurali e sostanziali che le disciplinano, e comproverebbero l’ingiustificata lesione di diritti costituzionalmente garantiti.
Il tentativo degli interessati di sminuire la gravità dell’accaduto assicurando che i contenuti di tali intercettazioni non saranno utilizzati denota la mancanza di considerazione per il diritto di difesa, essendo evidente anche ai non addetti ai lavori che l’ascolto delle conversazioni captate ha già pesantemente condizionato lo svolgimento delle indagini e la formulazione della tesi accusatoria, pregiudicando di conseguenza irrimediabilmente la strategia difensiva. Né, ad ogni modo, il mancato utilizzo di tali intercettazioni vale a escludere la loro illiceità e la conseguente responsabilità di chi le abbia indebitamente disposte ed effettuate. ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​
Confidando in un solerte ed esaustivo accertamento da parte delle competenti autorità, i Giuristi Democratici stigmatizzano l’accaduto ed evidenziano i rischi correlati all’utilizzo, potenzialmente disinvolto, di strumenti di indagine estremamente pervasivi, auspicando che la sussistenza dei presupposti e delle condizioni per ricorrervi venga verificata, tanto da chi le dispone quanto da chi le effettua, nel pieno rispetto della legge e dei diritti fondamentali della persona e della libertà d'informazione. 

10 aprile 2021
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI