MANAGE
CERCA
Altro in Internazionali
In memoria di Ebru Timtik: la resistenza dell'Avvocatura in Turchia
11.a Giornata internazionale dell'avvocato perseguitato: Azerbaigian
#FreeJulianAssangeNow
I G.D. e altre associazioni all'Ambasciatore al Cairo: intervenga immediatamente per la liberazione dei tre difensori dei diritti umani incarcerati in Egitto e accerti le effettive condizioni di salute di Patrick Zaki
Lettera aperta - appello per Nasrin Sotoudeh
I Giuristi Democratici contro le pesanti ingerenze Usa nell'inchiesta della Corte penale internazionale su funzionari Cia e militari
Continuiamo la battaglia per il rispetto dei diritti umani in Turchia. Per Ebru Timtik, per Aytaç Ünsal, per le avvocate e gli avvocati detenuti
I Giuristi Democratici esprimono cordoglio per la morte in carcere dell'avvocata turca Ebru Timtik
Tribunale di Roma: Gerusalemme non può essere riconosciuta (e definita) capitale di Israele. Ecco il provvedimento che condanna la Rai alla rettifica
L'Unione europea revochi le sanzioni inflitte al Venezuela
Lun. 29.6.'20, ore 18: L'uso repressivo del Covid nei Paesi di Medioriente e Nordafrica - Webinar
Simonetta Crisci, 30 anni e più di solidarietà alla causa curda
Giornata internazionale del rifugiato: i G.D. con i giuristi democratici europei della ELDH e l'associazione degli avvocati democratici europei AED
I G.D., insieme alle altre associazioni della rete "In difesa di" e della Rete della Pace, tornano a chiedere l'intervento delle Autorità italiane a tutela della salute di Patrick Zaky
 8 pagine  (115 risultati)
Critiche alla presidenza italiana dell'Unione Europea
Redazione 15 dicembre 2003 10:46
15 novembre 2003 - l'Associazione europea dei giuristi per la democrazia e i diritti umani nel mondo critica la presidenza italiana dell'E.U.

Una vergogna per l'Europa - Berlusconi presidente dell'Unione europea

Per tutta la seconda metà del 2003 l'Europa è sotto la presidenza italiana,
il cui primo ministro è Berlusconi. Il suo comportamento in Italia come pure
il suo atteggiamento nei confronti delle istituzioni europee costituiscono
un grave pericolo per la reputazione dell'Europa e per i suoi principi
fondamentali.
Da più di due anni Berlusconi è il capo del governo italiano. La sua
politica è caratterizzata da violazioni frequenti dei principi di libertà,
democrazia, diritti umani e fondamentali e dei diritti dei cittadini. Tali
importanti principi dello Stato di diritto, contenuti nell'art. 6 del
Trattato sull'Unione europea, sono stati rigettati da Berlusconi.
A tale proposito vanno ricordati i seguenti avvenimenti:
- il continuo attacco all'indipendenza della magistratura, a causa dei
procedimenti avviati contro Berlusconi per episodi risalenti al periodo
precedente il suo governo. In questo contesto egli ha anche abusato del suo
monopolio nel settore dei media privati e della sua influenza in quello dei
media pubblici per accrescere il suo potere manipolando l'opinione pubblica;
- l'uso brutale delle forze di sicurezza - senza che governo e Parlamento
ne fossero al corrente - durante il Vertice G8 di Genova con la conseguenza
di duri scontri, nei quali è stato ucciso il giovane Carlo Giuliani e
centinaia di manifestanti, vittime della violenza poliziesca e di atti di
tortura, hanno subito gravi lesioni;
- l'appoggio alla guerra di aggressione condotta da Bush contro l'Iraq e la
recente decisione di inviare truppe in Iraq senza il mandato dell'ONU;
- le sfide alla giustizia in Italia e in Europa;
- varie dichiarazioni di stampo razzista, come pure il trattamento
discriminatorio di immigrati e rifugiati, il rifiuto di applicare le
direttive europee relative al diritto d'asilo e contro la discriminazione
razziale, l'incredibile insulto alle vittime dell'Olocausto e al popolo
tedesco, compresi i suoi rappresentanti parlamentari;
- la ridicolizzazione dei crimini di Mussolini.
Ciò premesso, occorre sottolineare che la presidenza Berlusconi costituisce
un pericolo particolarmente grave nell'attuale situazione di ricerca da
parte dell'Europa di un futuro comune e di elaborazione di una Costituzione
comune.

Parigi, 15 novembre 2003

L'Associazione europea dei giuristi per la democrazia e i diritti umani nel
mondo