MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietĂ  con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
 23 pagine  (338 risultati)
Comunicato sul massacro di Kidapawan
Redazione 6 aprile 2016 17:38

L’Associazione Nazionale Giuristi Democratici condanna il massacro di contadini avvenuto a Kidapawan, Mindanao, Filippine il 1° Aprile 2016, quando la polizia ha aperto il fuoco contro una manifestazione uccidendo tre contadini, ferendone 116 ed arrestandone 78.  I contadini stavano protestando contro gli effetti dannosi del cambiamento climatico sulle loro attività e sulla loro vita.

Le azioni della polizia filippina violano i diritti alla vita e alla libertà da arresti arbitrari sanciti nel Patto internazionale sui diritti civili e politici, nonché i Principi delle Nazioni Unite sull’uso della forza e delle armi da fuoco da parte di agenti della forza pubblica del 1990 e l’Accordo complessivo sul rispetto dei diritti umani e del diritto internazionale del 1998 di cui le Filippine sono parte.

Protestiamo contro tali azioni e il silenzio mantenuto al riguardo dal presidente filippino Benigno Simeon Aquino III.

Esprimiamo sostegno e solidarietà ai contadini colpiti da questa illegittima repressione come pure dal cambiamento climatico e ci uniamo alla richiesta, proveniente dall’Associazione internazionale dei giuristi democratici e dai giuristi progressisti filippini, di giustizia per questo crimine e di libertà immediata per coloro che sono arbitrariamente detenuti

Torino-Padova-Bologna-Roma-Napoli

6 aprile 2016