MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il rischio di compressione dei diritti costituzionali dopo i fatti occorsi a Roma il 15 ottobre
Verso il 15 ottobre: comunicato congiunto Giuristi Democratici e Legal Team Italia
CEDAW, pubblicate le raccomandazioni dell'ONU: in Italia donne rappresentate come oggetti sessuali
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
 23 pagine  (334 risultati)
La Giustizia non è una merce. Il cittadino non ne è l'acquirente
Redazione 10 novembre 2011 15:10

Il maxiemendamento che verrà presentato in sede di approvazione della legge di stabilità, contiene misure ancora una volta, e drammaticamente, contrarie ai principi di civiltà giuridica, volte a rendere della giustizia un'idea distorta, una merce che deve essere assoggettata e guidata dai principi di mercato e di profitto; in questo senso, infatti, vanno viste le misure che consentono la formazione di società di capitale che finiranno per fagocitare la figura dell'avvocato autonomo e mosso solo dalla ricerca dell'interesse del proprio cliente; la progressiva dequalificazione della professione, con conseguente danno per il cittadino, che non avrà alcuna garanzia di rivolgersi a legale professionalmente preparato; il sostanziale smantellamento delle tariffe professionali, regalo a favore delle compagnie di assicurazione, banche, grandi aziende che possono, così, ottenere cospicui risparmi, a fronte della stessa attività e ottenendo lo stesso risultato.
Tutto ciò in nome di una pseudoliberalizzazione delle professioni che, non si comprende per quale oscura ragione, dovrebbe rilanciare l'economia.
Altrettanto grave è l'ennesimo ostacolo frapposto alla domanda di giustizia dei cittadini, che va a mano trasformandosi in un lusso per ricchi, se, come previsto, si darà luogo all'aumento del contributo unificato (già innalzatosi vertiginosamente negli ultimi du anni e mezzo) per i processi di appello e Cassazione o alla sanzione fino a 10.000 euro in caso di rigetto dell'istanza di sospensione dell'esecutività della sentenza di primo grado.
Non si può che opporsi a una simile norma, facendo opera di chiarezza nei confronti dei cittadini, i primi a essere colpiti da una simile innovazione. Per spiegare ancora una volta il ruolo sociale della figura dell'avvocato di tutore dei diritti inviolabili dei cittadini.
LA GIUSTIZIA NON E' UNA MERCE; IL CITTADINO NON NE E' L'ACQUIRENTE!


Torino-Padova-Roma-Napoli-Palermo, 10/11/2011

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI