MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il rischio di compressione dei diritti costituzionali dopo i fatti occorsi a Roma il 15 ottobre
Verso il 15 ottobre: comunicato congiunto Giuristi Democratici e Legal Team Italia
CEDAW, pubblicate le raccomandazioni dell'ONU: in Italia donne rappresentate come oggetti sessuali
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
 23 pagine  (334 risultati)
Sui fatti di Rosarno: contro ogni violenza, ma è indispensabile ripensare la questione immigrazione
Redazione 11 gennaio 2010 23:20

La condanna, ferma e risoluta, delle violenze su cose e persone avvenute in Rosarno da parte di molti stranieri non significa omettere di valutare le cause di una simile reazione, né, meno che mai, trascurare la reazione addirittura bestiale di parte della popolazione locale, fomentata proprio da chi quelle cause ha creato.
Siamo, infatti, di fronte ad uno sfruttamento sistematico della mano d'opera straniera, utilizzata spregiudicatamente, sfruttando quello stato di clandestinità cui buona parte di quei lavoratori sono spinti, da un lato, dal bisogno e dall'altro, da una normativa e da una politica miope e feroce.
Occorre, dunque, ripensare integralmente la questione immigrazione, consentendo l'emersione del lavoro nero di lavoratori clandestini o anche regolarmente soggiornanti, ripristinando condizioni di legalità e di umanità nel rapporto di lavoro; recuperare quell'atteggiamento di solidarietà e di soccorso nei confronti dei soggetti più bisognosi, che ha sempre caratterizzato la gente del Sud Italia, ancora memore della condizione di emigrazione vissuta in passato; punire gli autori delle violenze, da qualsiasi parte siano state provocate.
Non operare in questo senso significa farsi complici di una condizione al limite dello schiavismo che disonora il nostro paese.
Torino, 11 gennaio 2010
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI