MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il rischio di compressione dei diritti costituzionali dopo i fatti occorsi a Roma il 15 ottobre
Verso il 15 ottobre: comunicato congiunto Giuristi Democratici e Legal Team Italia
CEDAW, pubblicate le raccomandazioni dell'ONU: in Italia donne rappresentate come oggetti sessuali
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
 23 pagine  (334 risultati)
Processi brevi!
Redazione 12 novembre 2009 18:54
Comunicato stampa sulla presentazione del disegno di legge recante "Misure per la tutela del cittadino contro la durata indeterminata dei processi, in attuazione dell'articolo 111 della Costituzione e dell'articolo 6 della Convenzione europea sui diritti dell'uomo"

Parlare di celerità nella celebrazione dei processi é cosa buona e giusta e corrisponde ai desideri di tutti; far passare il "processo breve" oggi proposto dal centro-destra come la risposta a quell'esigenza é, invece, operazione inqualificabile che produrrà come conseguenza l'inceppamento di quel poco di giustizia che ancora funziona, al solo fine di salvare un singolo individuo; la normativa proposta brilla per la sua irrazionalità e per la sua inattuabilità generale, ma brilla, invece, di una piena razionalità se creata, come é stata creata, per salvaguardare l'interesse del Presidente del Consiglio; invece di intervenire sulle ragioni di lentezza del processo, con nuovi investimenti o con interventi normativi diretti ad eliminare le strozzature del sistema, si preferisce demagogicamente ridurre per legge la possibile durata di ogni processo, indipendentemente dalla sua complessità, e far passare, nelle pieghe, le norme salva Premier.
Chiamiamo tutti i sinceri democratici che hanno a cuore la difesa dei valori costituzionali, e del principio di uguaglianza in particolare, a mobilitarsi e a diffondere l'allarme tra tutti i cittadini; i Giuristi Democratici saranno in prima fila per la difesa di quei principi.
Torino, 12 novembre 2009
Roberto Lamacchia - Presidente dell'Associazione Nazionale Giuristi Democratici