MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il rischio di compressione dei diritti costituzionali dopo i fatti occorsi a Roma il 15 ottobre
Verso il 15 ottobre: comunicato congiunto Giuristi Democratici e Legal Team Italia
CEDAW, pubblicate le raccomandazioni dell'ONU: in Italia donne rappresentate come oggetti sessuali
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
 23 pagine  (334 risultati)
Berlusconi e la sentenza Mills
Redazione 20 maggio 2009 17:30

Le recenti dichiarazioni del Presidente del Consiglio e del Ministro Gasparri sulle motivazioni della sentenza Mills sono di tale gravità che non possono passare sotto silenzio.
Non si devono, infatti, confondere le critiche, sempre legittime, alle sentenze con gli insulti, le invettive e le accuse personali contro i magistrati che le hanno emesse che caratterizzano quelle dichiarazioni.
Così facendo, e per l'ennesima volta, vengono messe in pericolo l'indipendenza e l'autonomia dei giudici che vengono posti sotto tiro, già considerati responsabili di avere emesso, evidentemente in mala fede, una sentenza, e ciò pur se la Corte di Cassazione aveva respinto l'istanza di ricusazione proposta da Berlusconi nei confronti del Presidente del Collegio giudicante;
senza commento, poi, le dichiarazioni del Ministro La Russa che avrebbe voluto il posticipo delle motivazioni della sentenza ad una fase postelettorale!
La difesa dell'indipendenza e dell'autonomia della Magistratura è un compito di tutti i cittadini democratici, perché è attraverso quella, pur con tutte le critiche che possono essere mosse al funzionamento della macchina giustizia, che passa la difesa dei diritti dei cittadini.

20 Maggio 2009
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI