MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
 24 pagine  (356 risultati)
Sugli arresti di Cosenza
Redazione 15 novembre 2002 13:06
Comunicato sugli arresti effettuati su ordine del GIP di Cosenza di esponenti del movimento no-global - 15.11.2002

"L'arresto di Francesco Caruso e di altri esponenti del movimento no-global,
avvenuto sulla base di ordinanze di custodia cautelare emesse dalla
magistratura cosentina, configura un inaccettabile tentativo di
criminalizzazione del movimento, a meno di una settimana dall'eccezionale
riuscita dell'appuntamento di Firenze e a pochi mesi da quello mondiale di
Porto Alegre.
Dalle informazioni in nostro possesso emerge, a fronte di un'estrema povertà
di riscontri probatori e a una forte fragilità del teorema accusatorio
sottostante agli arresti, un uso spregiudicato ed incauto di disposizioni
penali che costituiscono un evidente retaggio del periodo fascista, come
quelle che incriminano l'"associazione sovversiva", la "cospirazione
politica" e la "propaganda sovversiva". Dal riferimento, scandalosamente
inedito, al "tentativo di sovvertire gli ordinamenti economici" traspare poi
addirittura un tentativo di sacralizzare, dotandola di garanzia penalmente
sanzionata, la globalizzazione capitalistica esistente, con uno spirito più
che mai estraneo al sistema di valori cui si ispira la nostra Costituzione,
e a cui deve ispirarsi evidentemente ogni magistrato della Repubblica. Siamo
quindi di fronte a un tentativo di strumentalizzazione politica della
giurisdizione penale, di fronte al quale deve levarsi forte la protesta di
chiunque abbia invece a cuore l'indipendenza della magistratura e lo Stato
di diritto, a livello interno, europeo e internazionale. Vogliamo ricordare,
da tale punto di vista, che il comportamento degli organismi repressivi
dello Stato italiano, con il ricorso a ingiustificate forme di repressione
che configurano in vari casi gli estremi di gravi reati, sarà discusso dalla
prossima sessione della Commissione dei diritti umani delle Nazioni Unite,
in programma a Ginevra in primavera. Il Coordinamento dei giuristi
democratici e il GLF si impegnano a garantire, con la difesa degli arrestati
e la promozione di una campagna per la salvaguardia delle libertà
fondamentali, il diritto di critica e di opposizione alla globalizzazione
capitalistica e al pensiero unico nonché la tutela dei valori che sono alla
base del nostro patto costituzionale".


COORDINAMENTO NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI