MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
 20 pagine  (298 risultati)
Giuristi Democratici di Firenze, pericolosa e incostituzionale l'ordinanza prefettizia del 9 aprile
Redazione 12 aprile 2019 17:17
Pubblichiamo il comunicato stampa della nostra sezione fiorentina, relativo all'ordinanza del Prefetto di Firenze Dr.ssa Laura Lega, emanata con riferimento alle leggi Minniti-Orlando e Salvini

Comunicato stampa

Firenze, 11 aprile 2019

Un provvedimento datato 9 aprile del Prefetto di Firenze dr.ssa Laura Lega segue, e dichiara di
applicare, i Decreti Minniti-Orlando n. 14/2017 e Salvini n. 113/2018 e le Leggi di Pubblica
sicurezza del 1931 e del 1981; dispone il divieto di accesso a numerose vie e piazze della città a
soggetti "denunciati" per certi reati (lesioni, percosse, rissa, spaccio di stupefacenti, ecc.).
Così è anticipata la soglia di rilevanza di condotte non costituenti reato a livelli di prevenzione
intollerabili in democrazia: si violano anzitutto la riserva di legge e la riserva di giurisdizione e
quindi almeno gli articoli 13 (libertà personale), 16 (libertà di circolazione) e 24 (diritto di difesa)
della Costituzione.
L'ordinanza fa riferimento a situazioni di pericolo, necessità di prevenzione ed anche alla sicurezza
percepita, ma sia questa che la reale condizione della nostra città, con gran parte dei reati in costante
calo, non rendono certo giustificabile una tale restrizione delle garanzie giuridiche essenziali che un
paese democratico deve assicurare alla libertà personale. Si rileva in particolare che certe condotte,
definite come “incompatibili con la destinazione e vocazione di tali aree”, comporterebbero
l'allontanamento forzoso dei soli soggetti “denunciati” per alcuni reati, con evidente
discriminazione per essere tale condizione priva di alcuna garanzia di fondatezza, o vaglio da parte
della magistratura.
Le massime espressioni del potere statuale, il ministero dell'interno ed ora alcuni prefetti, col plauso
di alcuni sindaci, si fanno portavoce di un concetto vetusto di sicurezza e di una cultura attenta solo
alla demagogica difesa da pericoli esterni, mentre dimenticano, o volutamente calpestano, le
elementari garanzie dello stato di diritto e non rivolgono alcuna attenzione alle condizioni reali dei
cittadini che manifestano piuttosto una diffusa e grave riduzione della loro sicurezza di poter
esercitare appieno i diritti fondamentali, anzitutto i diritti sociali sanciti nella carta costituzionale.
La sezione fiorentina dei Giuristi Democratici denuncia con preoccupazione tale deriva securitaria
ed invita le autorità a mostrare rispetto non solo per la legalità formale, ma anche e soprattutto per
la legalità costituzionale e i suoi vincoli di contenuto.

Giuristi Democratici, Firenze

Sede locale: piazza M. D'Azeglio 45 - 50121 Firenze
giuristidemocraticifi@gmail.com
www.giuristidemocratici.it