MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
 21 pagine  (310 risultati)
Processi brevi!
Redazione 12 novembre 2009 18:54
Comunicato stampa sulla presentazione del disegno di legge recante "Misure per la tutela del cittadino contro la durata indeterminata dei processi, in attuazione dell'articolo 111 della Costituzione e dell'articolo 6 della Convenzione europea sui diritti dell'uomo"

Parlare di celerità nella celebrazione dei processi é cosa buona e giusta e corrisponde ai desideri di tutti; far passare il "processo breve" oggi proposto dal centro-destra come la risposta a quell'esigenza é, invece, operazione inqualificabile che produrrà come conseguenza l'inceppamento di quel poco di giustizia che ancora funziona, al solo fine di salvare un singolo individuo; la normativa proposta brilla per la sua irrazionalità e per la sua inattuabilità generale, ma brilla, invece, di una piena razionalità se creata, come é stata creata, per salvaguardare l'interesse del Presidente del Consiglio; invece di intervenire sulle ragioni di lentezza del processo, con nuovi investimenti o con interventi normativi diretti ad eliminare le strozzature del sistema, si preferisce demagogicamente ridurre per legge la possibile durata di ogni processo, indipendentemente dalla sua complessità, e far passare, nelle pieghe, le norme salva Premier.
Chiamiamo tutti i sinceri democratici che hanno a cuore la difesa dei valori costituzionali, e del principio di uguaglianza in particolare, a mobilitarsi e a diffondere l'allarme tra tutti i cittadini; i Giuristi Democratici saranno in prima fila per la difesa di quei principi.
Torino, 12 novembre 2009
Roberto Lamacchia - Presidente dell'Associazione Nazionale Giuristi Democratici