MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
 21 pagine  (312 risultati)
Per Giuliana Sgrena
Redazione 7 febbraio 2005 11:27
Appello per la liberazione di Giuliana Sgrena, giornalista rapita in Iraq.

L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici esprime la piu' profonda solidarieta' a Giuliana Sgrena e al giornale Il Manifesto,augurandosi la piu' sollecita liberazione di Giuliana e sostenendo ogni azione tesa a questo imprescindibile risultato.
I giuristi democratici romani denunciano la vilta' di un rapimento che danneggia la causa del popolo iracheno,il movimento per la pace e la liberta' di informazione.
Il modo come Giuliana Sgrena interpreta il suo ruolo di giornalista e' quanto di piu' alto oggi puo' esserci da parte degli operatori della informazione pubblica,perche' la libera informazione e' una delle vittime della guerra in atto contro il popolo iracheno,che ci riguarda tutti indistintamente perche' e' grazie al lavoro dei giornalisti e alla loro onesta' deontologica che acquisiamo le informazioni necessarie per capire , per valutare, per schieraci.
La c.d. "informazione con l'elmetto" e' uno degli "effetti collaterali" della barbara e illegale guerra in atto contro il popolo iracheno e il lavor libero,indipendente, di Giuliana Sgrena e di pochi altri coraggiosi - non a caso spesso colpiti duramente,anche al prezzo della vita stessa - aiuta la giusta causa del popolo iracheno e il diritto all'informazione democratica e pulita dei popoli di tutto il mondo,sviati dai "bombardamenti ideologici",che falsano la realta',del sistema mediatico imperiale in larga parte vigente.
Come giuristi democratici sentiamo la vicinanza del nostro modo di intendere il diritto , la giustizia , la democrazia, la civile convivenza con il modo di intendere il ruolo dei giornalisti e dell'informazione pubblica da parte di Giuliana.
Anche per questo ci adopereremo non solo per la salvezza della vita di Giuliana,ma perche' torni al piu' presto al suo preziosisssimo lavoro di vera giornalista.

Associazione Nazionale Giuristi Democratici