MANAGE
CERCA
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
Redazione - 4 maggio 2011 18:20
I Giuristi Democratici invitano a sostenere la campagna e a partecipare al voto del 12 e 13 giugno 2011 per i due referendum per l'acqua bene comune.

In allegato pubblichiamo le memorie che l'Associazione Nazionale Giuristi Democratici ha a suo tempo depositato avanti alla Corte Costituzionale a sostegno dell'ammissibilità dei quesiti referendari.
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
Redazione - 24 marzo 2011 19:43
26 marzo 2011

Ore 14.00 - Piazza della Repubblica

Manifestazione nazionale a Roma

VOTA SI' AI REFERENDUM PER L’ACQUA BENE COMUNE!

SI' per fermare il nucleare, per la difesa dei beni comuni, dei diritti, della democrazia
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
Redazione - 17 gennaio 2011 22:39
Di fronte a un'offensiva senza precedenti nei confronti delle conquiste di civiltà e democrazia nel campo del lavoro e della rappresentanza sindacale, è giunto il momento di ribadire che il rispetto della Costituzione repubblicana deve partire dai luoghi di lavoro.
Per questo, i Giuristi Democratici saranno in piazza il 28 gennaio per esprimere il proprio sostegno ai lavoratori.
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
Redazione - 21 dicembre 2010 23:56
I Giuristi Democratici esprimono la loro riprovazione per le nuove interferenze nell'attività giudiziaria, operate non solo dal sindaco di Roma e dalla Presidente della Regione Lazio, ma addirittura dal Ministro della Giustizia, in merito al processo ad alcuni degli imputati per i fatti del 14 dicembre, in corso a Roma.

L'annuncio di ispezioni ministeriali costituisce un evidente tentativo di intimidazione nei confronti dell'autorità giudicante: tutto ciò, in uno stato realmente di diritto, è intollerabile. Che il garantismo tanto sbandierato dall'attuale compagine governativa fosse in realtà pretesa d'impunità unicamente per i propri sodali, lo si era compreso da tempo. Cionondimeno, oggi si è in presenza di atti di manifesta malafede da parte di tutti i soggetti coinvolti nell'ennesimo tentativo di intromissione in vicende processuali.

I Giuristi Democratici, impegnati a garantire la libera espressione del pensiero e il godimento dei diritti costituzionali, nonché l'instaurazione di un contesto propizio al pacifico svolgimento delle manifestazioni, ritengono che vada innalzata la guardia degli irrinunciabili presidi di libertà contenuti nella nostra legge fondamentale e denunciata con forza la pericolosa deriva autoritaria di un governo e di una maggioranza sempre più deboli nei numeri e delegittimati da tutte le istanze democratiche di lotta, ma al contempo sempre più protervi e arroganti.
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
Redazione - 9 novembre 2010 22:56
Aldo Natoli si è spento, a 97 anni, l'8 novembre scorso.
I Giuristi democratici intendono ricordarlo e come il Capo dello Stato, desiderano esprimere soprattutto l'indelebile stima per il profilo umano, che ne faceva un esempio non comune di intellettuale rigoroso e al tempo stesso di grande affabilità.
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
Redazione - 14 ottobre 2010 13:29
Giovedì 14 ottobre, ore 12

CONFERENZA STAMPA

presso la Sala delle Conferenze del Senato, Ex Hotel Bologna, Via di Santa Chiara, 4-5, Roma.

Alla conferenza stampa interverranno Fabio Marcelli (Consiglio Direttivo Associazione Europea Giuristi Democratici), i difensori Cesare Antetomaso (Portavoce dell'Associazione Giuristi Democratici di Roma), Maria Luisa D'Addabbo e Roberto De Angelis, nonché alcuni degli esponenti politici firmatari dell’appello riportato di seguito.
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Redazione - 14 ottobre 2010 13:3
ROMA, sabato 16 ottobre 2010
MANIFESTAZIONE NAZIONALE FIOM CGIL
SI' AI DIRITTI - NO AI RICATTI

Il diritto al lavoro sta alla base della dignità di ogni uomo e promuovere le condizioni che rendano effettivo questo diritto è impegno programmatico della nostra Costituzione italiana.
Sono in gioco la contrattazione collettiva, le conquiste sindacali.
Si vuole smantellare lo Statuto dei lavoratori per rendere i lavoratori più indifesi ed esposti ai ricatti aziendali.
Colpire i lavoratori è colpire il cuore stesso della democrazia.
 15 pagine  (220 risultati)